fbpx

Siamo davvero in grado di prenderci cura di noi stessi?

Prenditi cura di te

Ogni giorno, ognuno di noi, compie almeno un’azione volta a prendersi cura di se. Che sia il nutrire la nostra pelle con creme idratanti, fare attività fisica, interessarci della nostra mente con lo Yoga o la Mindfulness, prestare attenzione al cibo che mangiamo ecc.

Ma la vera domanda resta questa: “Siamo davvero in grado di prenderci cura di noi stessi?

Viviamo in un’epoca di grande iperattività, grandi quantità di impegni, in cui ‘essere occupati’ sembra essere la cosa più figa del mondo.

Ma siamo davvero sicuri? Non sarà che ogni tanto è meglio fermarci?

L’importanza di prendersi cura di sé

Quando chiedo ai clienti o anche ai miei amici cosa fanno per prendersi cura di sé molto spesso faticano a darmi una risposta.

Non sappiamo più come si fa. Ci sembra quasi egoistico prenderci del tempo per noi.

A parere mio, amare noi stessi parte da uno spazio che lasciamo libero per noi, uno spazio libero dal “dover fare” e all’insegna del “lo voglio fare perché mi piace e mi fa stare bene”.

Prendersi cura di sé, cosa vuol dire

Prendersi cura di sé, è molto di più che curare il corpo e non va confuso con la dieta, il fitness o la cura di bellezza. Avere cura di sé significa anche curare la propria salute, mangiare in modo sano, dormire a sufficienza, fare esercizio fisico. Non è però sufficiente.

Prendersi cura di sé significa avere cura della propria persona in modo completo. Prendersi cura di sé richiede tempo, pazienza e autoconoscenza. Significa conoscere se stessi e avere fatto pace con i propri limiti, accettarsi e accogliersi quindi, con pregi e difetti.

Avere cura di sé significa volersi bene in modo globale. Vuol dire rendersi conto che siamo fatti non solo di corpo, ma anche di mente e spirito. Chi si prende cura di sé sa di non essere un individuo isolato, ma sa di essere una persona che ha bisogno di una sana relazione con gli altri.

Saper prendersi cura di sé richiede rispetto, stima e amore per se stessi.

Per concludere

La maggior parte delle persone lega la cura di sé a una cosa che ci si può permettere solo dopo aver eseguito tutto ciò che deve fare, un lusso per pochi e che, a volte, scatena anche sensi di colpa. (Vedi articolo “Come superare il senso di colpa“)

Ora, che ne dici di sfidare questo pensiero limitante?

Vorrei che tu iniziassi a pensare alla cura di te come un regalo da farti, non un lusso ma una sana abitudine, non qualcosa relegato al fondo della lista delle tue attività ma in cima.

Magari all’inizio sarà faticoso perché il senso di colpa è sempre lì in agguato, ci saranno anche i pensieri che ti ricorderanno in continuo cosa devi fare da lì a breve ma ti accorgerai che dedicarti del tempo per farti i ‘fatti tuoi’, qualsiasi cosa significhi, è entusiasmante.

Se riuscirai a trasformare la cura di te in un’abitudine troverai anche la spinta per fare le cose che ‘devi’ fare.

Non è necessario che siano grandi cose ma anzi piuttosto di piccole cose che cambiano il colore della tua giornata: due passi nel parco, farsi un bagno caldo invece di una doccia veloce, fermarsi a guardare le nuvole in cielo, trovare del tempo per leggere un libro…

Ci sono un sacco di cose che possiamo fare, per avere una maggiore cura di noi stessi.

Una volta che comincerai ad ascoltare le tue esigenze e a volerti un po’ più bene, sarai tu stesso a capire cosa fare per prenderti cura di te in modo pienamente soddisfacente.

Deponi quindi i sensi di colpa quando ti prendi cura di te. Non ce n’è motivo, perché quando ti prendi cura di te stai “caricando le batterie” per avere tanto da dare agli altri.

Quindi, cosa vuol dire veramente prendersi cura di sé?

Contattami per avere consigli su come trovare il tempo per volerti bene, trovi Qui  tutte le informazioni.

Condividere è bello!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *